Most played di marzo

E rieccoci, con il giusto ritardo cronico, a parlare dei prodotti più usati del mese scorso…questa volta tocca al pazzerello Marzo!

A Marzo ho provato diverse cose nuove ma ho deciso di inserire in questa rubrica soltanto quelle che mi hanno fatto davvero perdere la testa.

CODIGO, Yodeyma. Conoscete tutti Yodeyma? E’ un’azienda rinomata per la realizzazione di ottimi profumi, corrispondenti a molti dei più famosi in commercio. Io ho scoperto lui, Codigo. Identico identico identico ad Armani Code for her, che io amo ma che non ho mai acquistato perché, insomma, costa bei soldini. Ho provato tante aziende che producono profumi somiglianti ad altri e fino ad ora nessuno mi ha conquistata come Yodeyma e ho altri assi nella manica, altri profumi intendo, di cui vi parlerò più in là 🙂 Intanto vi dico che Codigo è stata la mia prima scelta da quando l’ho acquistato, è il primo che pesco la mattina quando vado al lavoro e la sera quando esco con gli amici. Si accorda perfettamente con le mie note, è fresco, avvolgente e soprattutto persistente. Per poco più di €20, ve lo straconsiglio!

RUDOLPH, Groovy Lipstick Mulac. Ve ne avevo già parlato in un recente articolo di applicazione e prime impressioni e posso confermare tutto quello che pensavo. E’ forse il più bel rossetto che possiedo. E lo è per tanti motivi. Il primo è il colore: unico nel suo genere, classificato come un nude che miscela il marrone, il rosso e l’arancio, è per sua stessa natura inclassificabile. Cambia sulle labbra a seconda della temperatura, della luce, del grado di stratificazione. Il secondo motivo è la pigmentazione: piena, vibrante, scenica. Il terzo è la durata: nonostante sia un matte, non secca eccessivamente le labbra e ha una tenuta impressionante. Resiste a mangiate, bevute, senza andare nelle pieghette esterne, sbriciolarsi all’interno, sbiadire minimamente e, ovviamente, è no transfer. E’ uno dei pochi rossetti a suscitarmi davvero un’emozione quando lo indosso. Vi consiglio di dargli una chance quando tornerà disponibile!  Qui trovate l’articolo con gli swatches e le foto in cui lo indosso.

SUBLIME fondotinta, Puro Bio. Avevo sentito tante cose su questo fondotinta e acquistarlo è stata una delle scelte più incerte del periodo. Chi lo amava, chi lo odiava, chi lo considerava un prodotto così, nella media. Dopo aver letto e visto di tutto mi sono decisa e grazie ad una splendida promozione offerta da Vanity Space, la community di cui vi parlo spesso, mi sono convinta che forse poteva essere davvero il fondo per me. Beh, ragazze mie, lo è. Ho acquistato lo 02, che è assolutamente perfetto per il mio sottotono, si adatta benissimo all’incarnato del viso che non ha, quindi, visivamente nessuno stacco con il collo. E’ un fondo che potrei definire in mousse: la componente liquida è quella meno presente, ed ha invece una formula molto cremosa, quasi solida, ma allo stesso tempo leggera quando viene stesa. Ovviamente è allo stesso tempo molto asciutta, quindi si tratta di un fondo che va applicato poco per volta, a zone, perché si asciuga in fretta (ma non così in fretta, come ho sentito in diversi blog!). Una volta steso e asciugato regala un incarnato fresco, radioso e ben opaco ma che non perde di luce, ed è per questo che mi piace tanto. Fissato bene con una cipria dura diverse ore senza lucidarmi o ossidarsi. L’applicazione che preferisco è con la blender associata, sempre Puro Bio, ma lo adoro anche con il pennello di cui sto per parlarvi.

Se siete interessate a saperne qualcosa di più su Vanity Space, vi consiglio di seguire il gruppo, la pagina e il nuovo blog! Fidatevi, non potrete più farne a meno!

ARTIST foundation face brush, Kiko. Parliamone. Non amo particolarmente i pennelli a lingua di gatto e oblunghi per la stesura del fondotinta, ma questo pennello qui è speciale. Ha una forma particolare, è allungato sì, ma è anche bello cicciotto e con le setole compatte, belle fitte. Ha una qualità eccellente, come la maggior parte dei pennelli delle edizioni limitate di Kiko, lo uso tutti i giorni da quasi due mesi  e non ha perso un pelo, né si è sformato. Insomma, me ne sono perdutamente innamorata. Qui trovate l’articolo anteprima in cui ve ne avevo parlato.

E’ andata bene questo mese, su! Voi che mi dite? Avete qualcuno di questi prodotti? Vi siete trovati bene come me? Lasciatemi tutti i vostri consigli in un commentino. Io come sempre vi ringrazio e…al prossimo articolo!

Annunci

3 risposte a “Most played di marzo

  1. Anche io ero molto scettica sul fondo puro bio, ne avevo sentito parlare così male! Invece mi sto trovando stupendamente come te, è diventato un fondamentale nella mia pochette.

  2. Pingback: Most played di maggio | ti svelo un trucco·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...